La mia esperienza alla Caratti e Poletto

Mi chiamo Ilaria Zilio, ho ventun anni e abito a Valdagno, un piccolo paese in provincia di Vicenza. Valdagno dista circa 70 chilometri dallo IUSVE, Istituto Universitario Salesiano con sede a Verona, dove sto conseguendo la laurea triennale in Scienze e Tecniche della Comunicazione Grafica e Multimediale.
 
Circa 35 chilometri, invece, separano casa mia dalla Caratti e Poletto ADV, agenzia creativa di pubblicità che dal 1971 opera nel cuore di Vicenza. 35 chilometri si traducono, per me, in un’ora di viaggio in autobus, che dal 4 giugno al 3 agosto 2018 ha scandito la mia routine quotidiana, in quanto ho svolto presso l’agenzia un periodo di tirocinio curriculare
Le motivazioni che mi hanno spinto a fare richiesta di stage in questa azienda sono molteplici: l’ambiente di agenzia con cui desideravo confrontarmi, il ricco portfolio lavori della Caratti e Poletto, il fatto che si trattasse di una realtà non focalizzata su un unico ambito creativo (i principali settori in cui l’agenzia opera sono advertising, brand identity, graphic design, packaging, illustration, video e digital – social, web, webmarketing). Infatti, sentivo forte l’esigenza di misurare i miei limiti e le mie predisposizioni, cimentandomi in diversi ambiti e confrontandomi con numerosi professionisti del settore. 
L’obiettivo di questa esperienza è stato dunque quello di formarmi a livello professionale per poi approcciare più agevolmente un futuro contesto lavorativo, nonché diventare proattiva e fornire il mio contributo ai progetti dell’agenzia. 
Sono stati due mesi impegnativi, di “full immersion” in un contesto fervente di attività, progetti, scadenze, clienti e personalità diverse
Le prime due settimane, nello specifico, sono state le più movimentate, ma anche le più stimolanti: due importanti “deadline” erano alle porte, e dunque era necessario sistemare gli ultimi dettagli, modificare lavori che sembravano conclusi, inviare gli esecutivi in tempi record. In sostanza, ho vissuto il delirio che si può immaginare all’interno di un’agenzia creativa nei momenti in cui il carico di lavoro diventa oneroso. 
Durante l’intero periodo di tirocinio ho potuto imparare moltissimo e prendere parte alle attività più diverse: dai progetti grafici a quelli di web marketing, dalla strutturazione di piani editoriali alla gestione dei contenuti social. 
Un elemento particolarmente significativo del mio periodo di permanenza alla Caratti e Poletto ADV è stato la possibilità di assistere a numerosi incontri con clienti, professionisti e collaboratori dell’agenzia: ho potuto così entrare in contatto con diverse personalità e professionalità. Credo, infatti, che uno degli aspetti più motivanti del lavoro del comunicatore sia la possibilità di confrontarsi con persone, committenti e tematiche molto distanti tra loro, imparando a conoscerle di volta in volta.
È stata un’esperienza a 360 gradi all’interno della comunicazione pubblicitaria, che mi ha arricchito molto sia dal punto di vista professionale che personale. 
Sono grata a tutte le persone che lavorano con passione e impegno alla Caratti e Poletto: per avermi permesso di svolgere questa esperienza per me fondamentale; per avermi spiegato con pazienza nuovi concetti, tecniche, strumenti (nonostante molto spesso questo fosse difficile, dati alcuni automatismi ormai radicati nell’esperienza professionale e dati i tempi sempre stretti); per avermi coinvolta fin da subito, facendomi sentire poco “stagista” e molto “parte del team”; per aver trovato il tempo da dedicarmi anche quando il carico di lavoro era particolarmente oneroso; per aver saputo cogliere il mio senso di incertezza e averlo convertito in spirito di iniziativa. 
35 chilometri che ripercorrerei ogni giorno, andata e ritorno.